I prodotti della cucina vegana


Vediamo insieme quali sono i prodotti che costituiscono le basi della cucina vegana. Prodotti tutti naturali, privi di grassi e proteine animali con i quali è possibile creare gustosi piatti per scoprire un mondo diverso ma dai mille sapori.

Gli affettati vegetali, che si trovano nei negozi vegan e bio, sono dei tipi di affettati prodotti con farine e amidi ci vario tipo, tofu, seitan, verdure e spezie. Molti hanno un ottimo sapore e sono indicati per preparare gustosi panini o tramezzini.







L'agar agar, o kanten, è un ricavato delle alghe rosse, e si trova sotto forma  di polvere, fiocchi o di barrette da sciogliere in acqua per creare una gelatina inodore e insapore con la quale creare piatti sia dolci che salati. In pratica è l'alternativa alla classica "colla di pesce". Non dà calorie al nostro organismo, ma ci "rifornisce" di sali minerali, e favorisce lo smaltimento di grassi e di colesterolo oltre a regolarizzare il transito intestinale. Mangiare una gelatina di frutta e agar agar prima dei pasti o a metà giornata, darà un senso di sazietà che ci aiuterà a mangiare con moderazione e senza eccessi a tavola.


Le alghe: ci sono diversi tipi di alghe commestibili. Queste sono importati alimenti da millenni. Si trovano nei negozi specializzati in un'ampia varietà




L'amaranto è un alimento antichissimo, fondamentale per gli Aztechi e gli Incas. E' una pianta originaria del Centro America. Viene considerata un cereale ma in effetti non lo è, perchè non appartiene alla famiglia delle Graminacee. L'amaranto si acquista nei negozi che vendono prodotti naturali e biologici in chicchi, sotto forma di sfarinato oppure di farina. E' molto interessante dal punto di vista nutrizionale perchè ricco di proteine di alto valore biologico e di lisina, un aminoacido essenziale. Facile da digerire, è anche ricco di sali minerali come il ferro, il fosforo e il calcio e contiene anche una buona percentuale di fibre.

L'avena è il cereale più ricco di proteine e di sostanze grasse, tra cui l'acido linoleico. Ha un elevato contenuto di fibre solubili, che la rendono consigliata per la regolarizzazione del peso e dei livelli di colesterolo nel sangue. Le sue proteine hanno un ottimo valore biologico ed è il cereale più ricco di lisina. L'avena è diffusa sotto forma di farina, fiocchi e crusca e si può usare dalla colazione al dessert, passando per ottime zuppe e minestre.

Il farro è un cereale molto antico, coltivato dagli Egizi e diffuso in epoca romana. Rivalutato per i suoi valori nutrizionali. Ci sono due tipi di farro, quello perlato e quello decorticato. Il farro decorticato è quello più ricco di fibre anche se il tempo di cottura è più lungo  (circa 45 minuti). Inoltre, pur essendo cereale integrale, non ha il gusto forte tipico degli altri cereali, ma un sapore neutro e versatile. Da provare in cucina anche la farina di farro, con cui si può  preparare un ottimo pane, dal sapore molto simile a quello del pane bianco ma più aromatico e sano. Dal punto di vista nutrizionale, il farro è ricco di proteine e contiene diversi sali minerali, tra cui potassio, ferro, calcio, sodio e fosforo. Contiene anche sotanze importanti per la salute, gli aminoacidi come: l'arginina, leucina, lisina, alanina, acido aspartico e triptofano, per non parlare di un importantissimo aminoacido essenziale per il nostro organismo ma che non può essere prodotto da nostro corpo e quindi va introdotto con la dieta,  la metionina, che tra l'altro è presente nel farro e non negli altri cereali.

Sul mercato esistono diversi tipi di formaggi vegan, prodotti senza latte o caglio animale, privi di colesterolo e molto gustosi. Se ne trovano di diversi produttori sia nei negozi specializzati sia on-line. Generalmente a base di legumi o frutta secca, sono proposti nelle varie consistenze dei formaggi tradizionali (da grattugiare, per fare la pizza, da far fondere sulle verdure) e aromatizzati con varie erbe e spezie.




Prosegui

Articoli correlati

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...